Orgasmo maschile: tutte le problematiche, dall’eiaculazione precoce a quella retrograda

Dic 23, 2015 by

Orgasmo maschile: tutte le problematiche, dall’eiaculazione precoce a quella retrograda

Il termine eiaculazione indica il momento dell’espulsione dello sperma da parte dell’uomo, in seguito alla stimolazione ripetuta del pene attraverso un rapporto sessuale o la masturbazione. La eiaculazione caratterizza l’orgasmo maschile e avviene in due fasi principali: nella prima fase i condotti deferenti, a causa dell’eccitazione sessuale, convogliano lo sperma verso la prostata; nella seconda fase, invece, il liquido seminale si mescola con gli spermatozoi e viene espulso dall’uretra provocando così la eiaculazione (nello stesso momento la vescica si chiude onde evitare la fuoriuscita dell’urina). Quest’ultima, inoltre, è caratterizzata da contrazioni ritmiche molto potenti che partono dalla base del pene (ogni orgasmo provoca dalle quattro alle otto contrazioni).

L’orgasmo maschile può, però, incontrare diverse problematiche (tra queste la più conosciuta è la eiaculazione precoce). In questo articolo esamineremo, dunque, queste problematiche e i fattori ai quali sono connesse.

Eiaculazione precoce

Con il termine “eiaculazione precoce” si definisce la fuoriuscita dello sperma all’inizio del rapporto (a volte addirittura prima che questo cominci). È un problema molto comune e affligge circa un uomo su tre. Gli uomini che riscontrano questo problema avvertono un riflesso incontrollabile per cui non riescono a controllare la fuoriuscita dello sperma.

Questo problema molto comune, in realtà, non è assolutamente grave, ma deriva, bensì, da problemi di autocontrollo. È molto comune, infatti, soprattutto negli uomini molto giovani ed è causato dall’assenza di un condizionamento mentale che imponga all’uomo di trattenere i propri riflessi fisici. Nella stragrande maggioranza dei casi si risolve, infatti, con l’acquisizione dell’esperienza con il passare del tempo, o vi si può rimediare con prodotti naturali come quelli proposti su Wellvit.

Aneiaculazione

Al contrario la aneiaculazione, ovvero la mancanza di fuoriuscita dello sperma, è correlata a problemi decisamente più gravi. Di solito questo problema è legato ai sintomi dell’utilizzo di alcuni farmaci contro il cancro.

Eiaculazione retrograda

Il termine “eiaculazione retrograda” indica una patologia abbastanza particolare, laddove lo sperma, invece di essere espulso, defluisce verso la vescica. Questo problema può causare la sterilità ed è connesso, solitamente, agli effetti collaterali di operazione chirurgiche.

Eiaculazione sanguinante

Questo problema si verifica quando nello sperma si trovano delle tracce di sangue. Sebbene questo disturbo possa essere benigno, è consigliabile farsi visitare subito da uno specialista perché può indicare la presenza di un tumore alla prostata o di gravi infezioni.

Eiaculazione dolorosa

Avviene quando l’uomo avverte dolore al livello dell’uretra ed è quasi sempre la spia dall’allarme che indica una infiammazione alla prostata.

Abbiamo, dunque, esaminato in breve tutti i problemi correlati all’eiaculazione. Vi consigliamo, se riscontrate uno di questi sintomi, di recarvi immediatamente da uno specialista per verificare la presenza di patologie gravi (ovviamente fatta eccezione per la eiaculazione precoce che, come abbiamo visto, rappresenta un problema molto comune e non grave).

Related Posts

Share This

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *